Azione 7 - Progetto 103781 – S.O.C.I.A.L. S.P.R.E.A.D_Sussidiarietà Orizzontale e CIttadinanza In Ambito Locale per Stimolare la Partecipazione,la Rappresentanza E l’Auto Determinazione


Il progetto S.o.c.i.a.l. s.p.r.a.e.d  fa risorsa di quanto già realizzato con il F.E.I. Aesculapius e mira al rafforzamento della cooperazione fra Istituzioni e associazionismo, per un cambiamento dal basso del sistema socio sanitario della Basilicata. Attraverso azioni di formazione e sensibilizzazione degli operatori sociali e sanitari ma anche di tutta la Comunità istituzionale, dei cittadini lucani e immigrati, punta alla messa a sistema dell’accoglienza e della cura dei migranti che sempre più numerosi arrivano nella Basilicata, anche per effetto dei molti progetti finanziati per la rete Sprar a favore di richiedenti asilo e rifugiati.

Capofila di S.o.c.i.a.l.  s.p.r.a.e.d.  è la Provincia di Potenza e partner la Provincia di Matera, che si è avvalsa della preziosa collaborazione dell’Ageforma, l’associazione tolbà e la cooperativa Punto e a Capo.

Il Progetto è suddiviso in quattro grandi azioni: “ospedali aperti”, negli Ospedali San Carlo di Potenza, IRCCS-CROB di Rionero in Vulture, Madonna delle Grazie di Matera e di Policoro, Lagonegro e Villa d’Agri con interventi di Elena Spinelli accreditata dal Consiglio Nazionale OAS come Formatrice e docente di Metodi e tecniche del servizio sociale e Marcella Cavallo, psicologa e psicoterapeuta specializzata nella Scuola Interattivo-Cognitiva di Padova; “medicina transculturale“ presso l’Ageforma di Matera con Marcella Coccia, esperta in immigrazione, conduttrice di gruppi e mediatore familiare, Adela Gutierrez psicologa e mediatrice interculturale e Natale Losi, psicoterapeuta familiare, antropologo-medico e sociologo;  “Gr.I.S.”  e avvio della fattibilità de “La consulta regionale sull’immigrazione” nelle città di Matera e Potenza. Molte azioni del progetto s.o.c.i.a.l.  s.p.r.a.e.d. sono possibili grazie alla disponibilità delle Aziende ospedaliere e sanitarie.


medicina transculturale

In Provincia di Matera sono previsti 6 seminari per formare il personale sanitario e socio assistenziale del territorio materano e realizzare il Trasferimento delle competenze, sul modello formativo sperimentato nella Provincia di Potenza nell’ambito del Progetto Aesculapius.I seminari avranno la durata di 8 ore ciascuno.

programma medicina transculturale


profili dei docenti        Adela Gutierrez     Marcella Coccia        Natale Losi

 


gr.i.s. gruppi immigrazione e salute

I GrIS nati nel 1995 a Roma, a cura della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM) sono una risposta alla mancata tutela della salute degli immigrati, in quegli anni. Sono un modello di inclusione per i migranti, perché favoriscono l’accesso alle strutture sanitarie richiamando le Istituzioni a farsi carico del diritto alla salute. I Gr.I.S. sono “spazi” di riflessione sull’evoluzione dei sistemi sanitari nel mondo globalizzato, sulla sussidiarietà, sui modelli di welfare e sulla salute di richiedenti asilo, rifugiati, vittime di tortura e di tratta. Sono occasione di incontro fra gli attori dell’azione sociale e un laboratorio di “modelli assistenziali innovativi” in cui si mette a confronto il “pubblico” e il “privato sociale”, con la condivisione del patrimonio comune di “buone pratiche”, lo sviluppo di percorsi comuni di riflessione sulle aree critiche della salute dei migranti e la elaborazione di progetti di cooperazione. L’obiettivo è che ogni Regione promuova un Gr.I.S. che diventerà il nodo di una rete nazionale.

programma gris

locandina gris

profili dei docenti        Salvatore Geraci      Maria Edoarda Trillò


ospedali aperti
 
Le attività di Ospedali aperti si svolgeranno su moduli di 6 ore ciascuno negli Ospedali: San Carlo di Potenza, Madonna delle Grazie di Matera, IRCCS-CROB di Rionero in Vulture e Policoro.

programma ospedali aperti

locandina ospedali aperti 

profili dei docenti       Elena Spinelli       Marcella Cavallo


consulta regionale sull’immigrazione

La Consulta regionale sull’immigrazione è un organo consultivo di grande importanza per l’inclusione dei migranti ed ha il compito di coordinare gli interventi regionali per l’immigrazione, in raccordo con i Consigli territoriali per l’immigrazione (Decreto legislativo n. 286/1998). Le funzioni principali della consulta regionale sull’immigrazione, riguardano la individuazione delle priorità che la Giunta regionale deve programmare per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati, l’osservazione del fenomeno migratorio, la funzione di supporto alla stima dei fabbisogni lavorativi per la indicazione delle quote annuali di ingresso e deve svolgere un ruolo di proposta e monitoraggio continuo sulle iniziative e gli interventi previsti dalla legge sull’immigrazione ed un ruolo consultivo su ogni argomento in materia di migrazione.

Questa azione del progetto s.o.c.i.a.l. s.p.r.e.a.d. tende ad informare la Comunità regionale sulle funzioni della consulta regionale sull’immigrazione e a sensibilizzare migranti e non sulla sua importanza per l’inclusione dei migranti. I quattro incontri previsti a Matera, Potenza, Bella e Policoro saranno l’occasione per parlare con i migranti e le associazione del privato sociale di questo importante strumento di democrazia dal basso e cercheranno di promuovere la partecipazione dei migranti, con l’individuazione di quattro rappresentanti, scelti durante gli incontri. Proprio questi rappresentanti si chiederà che siano invitati, dalle Prefetture di Potenza e Matera, a partecipare ai Consigli Territoriali Provinciali sull’Immigrazione e che svolgano una azione di stimolo, affinché la Regione Basilicata adotti una legge sui migranti ed istituisca la consulta regionale sull’immigrazione. Si rafforzerà la collaborazione fra le associazioni nei territori provinciali e i servizi sociali dei comuni cui spetterà la segnalazione dei residenti regolari immigrati. In accordo con la rappresentanza immigrata si darà il via a campagne di stampa sul tema della consulta regionale sull’immigrazione.

depliant consulta dell’immigrazione