Gruppo 5 – La bambina, l’acqua, la campana, la magia

In un piccolo paese abitava una bambina di nome Erica. Un giorno andò al fiume a prendere l’acqua portando con se nella borsetta la sua campana tibetana magica. Ad un certo punto arrivò un terribile vortice che risucchiò l’acqua del fiume facendo morire così i pesci. La povera Erica era dispiaciuta… ma ad un certo punto…idea! Erica prese la sua campanina e il suo dolce suono fece smettere il vortice, salvando il paese. Era così contenta che dalla felicità buttò la borsa in aria facendo rompere la campana. Senza pensarci andò dalla zia. Appena arrivò le chiese un bicchiere d’acqua. La zia aprendo il rubinetto le disse che non usciva più acqua. Erica capì l’errore che aveva commesso e cercò di rimediare, arrivò sera e Erica voleva che tornasse tutto come prima, ma proprio in quel momento in cielo cadde la più bella, la più luminosa, la più splendente stella cadente. E così il desideri di Erica si avverò, come per incanto in tutte le case tornò l’acqua. E al fiume tornarono i pesci.